Chi siamo

Tutto su di noi

Altro domani stuff
Altro domani stuff

L’Associazione di Solidarietà Familiare ed Assistenza: “Altro Domani”, costituita ai sensi dell’art. 16 della Legge Regionale 31 luglio 2003 n. 10 ed Iscritta con decreto R.S. n. 894/S6 del 22/06/2011 al n. 116 del Registro Regionale di solidarietà familiare, nasce dalla volontà di giovani professionisti con esperienza maturata in anni di associazionismo, di volontariato e di lavoro svolto in ambito sociale.

Essa si propone di perseguire le finalità previste dallo statuto attenzionando, in particolar modo, le problematiche che coinvolgono i sistemi familiari.

L’associazione “Altro Domani”, intende promuovere iniziative di sensibilizzazione e di formazione al servizio delle famiglie, in relazione ai loro compiti sociali ed educativi. Essa, in particolare, si rivolge ai sistemi familiari che presentano situazioni di criticità emergenti durante le fasi ciclo evolutivo. Al suo interno, una compagine societaria composta da:

  • una psicologa/psicoterapeuta familiare,
  • un educatore professionale/pedagogista,
  • una dott.ssa in scienze giuridiche
  • due presidenti di associazioni socioculturali,

ha qualificato e reso molto significativo il lavoro d’equipe.

L'esperienza maturata dai soci fondatori e la loro sensibilità alle problematiche familiari, si è concretizzata, nel 2011, nella costituzione di Altro Domani, soggetto che ha consentito ai professionisti-soci di impegnarsi insieme in attività sociali, coniugando professionalità ed umanità. Successivamente è stato deciso di iscrivere l’Associazione al Registro Regionale di Solidarietà Familiare, in modo tale che la stessa fosse legittimata ad operare per perseguire finalità di assistenza familiare e di impegno sociale.

L'attività dei soci è quotidianamente volta ad accogliere le difficoltà delle famiglie, supportandole nella gestione di membri anziani, infermi e disabili, per i quali ci si impegnerà a promuovere e gestire interventi mirati al sostegno, all’aiuto socio-assistenziale e a quello socio-sanitario. Ulteriori criticità familiari di cui l'Associazione si fa carico, sono relative alla gestione di minori e di adolescenti che vivono in condizioni di disagio psicologico, di devianza giovanile, di handicap. In tali situazioni, sarà possibile avviare percorsi di sostegno pedagogico-educativo e psicologico che mirino al ripristino del benessere di tutto il sistema familiare.

Infine, consapevoli dell'importanza della socializzazione nel gruppo dei pari, i membri dell'Associazione, si propongono di istituire centri ricreativi e, come già fatto in passato in collaborazione con altre associazioni socioculturali presenti nel territorio, di organizzare attività ludiche, sportive, culturali e di aggregazione per bambini, per gli adolescenti problematici o svantaggiati e per loro famiglie.

La pagina ha impiegato 0.0212 secondi